Sono l’aiuto nell’emergenza: le macchine per cucire piccole, portatili e tascabili

Sono di dimensioni molto ridotte rispetto alle “sorelle” da tavolo. Sono le macchine per cucire di piccole e piccolissime dimensioni, alcune portatili altre addirittura tascabili tanto sono di dimensioni ridotte. Rispondono ad esigenze diverse perché un conto è trovarsi in una sfilata e dover correggere un capo da mostrare e un’altra cosa è trovarsi all’improvviso con un orlo scucito o una fodera strappata e dover intervenire essendo fuori casa lontano da una macchina idonea ad un lavoro professionale.
Sono macchine per cucire che ci aiutano a risolvere tanti piccoli e grandi problemi proprio quando siamo lontani dalla nostra postazione per il cucito o lontano comunque da casa. Già solo per la loro capacità di problem solving sono macchine per cucire ambite da molti, desiderate proprio perché non servono competenze particolari per usarle e forniscono invece una risposta immediata.

Ma pensate

Mangiapannolini, quanto convengono? Valutazioni di spesa

La prima cosa da guardare in un mangiapannolini , questo pratico e innovativo contenitore ‘sigilla-odori’ per lo smaltimento dei pannolini sporchi, è la grandezza che dovrà essere valutata, caso per caso. Scelte le dimensioni, si dovrà considerare la spesa delle ricariche, ammesso e non concesso che si acquisti un maialino con ricariche (ce ne sono anche senza, ma assomigliano più alla pattumiera per le modalità di smaltimento, per quanto più isolanti per l’odore). Le ricariche consistono nei sacchetti monodose che sigillano il pannolino con tutta la puzza e la carica batterica che si porta dietro.

A volte le ricariche compatibili non si trovano facilmente, perlopiù sono della stessa casa madre che le produce in tandem con il dispositivo, il vantaggio è che si trovano direttamente dal produttore, lo svantaggio è che costicchiano, ma sono le uniche in grado di garantire